fbpx
MENU

Cosa chiedere ad un “Wedding Photographer”

4 Febbraio 2020

wedding-photographer-cosa chiedere-per foto-naturali

Rivolgi queste domande al tuo fotografo per evitare spiacevoli sorprese.
Avete mai pensato a quanto tempo ed energie state spendendo per organizzare il matrimonio da sogno? L’organizzazione di un matrimonio è un percorso pieno di tante, piccole e nascoste insidie. E scegliere il fotografo giusto rappresenta uno dei passi più complessi.
È importante che facciate le domande giuste al vostro futuro fotografo affinchè possiate valutare se la persona che avete davanti sia davvero quella che fa per voi (ricordate, il fotografo sarà con voi l’intero giorno), cosi da evitare spiacevoli sorprese quando, ormai, sarà troppo tardi.
Vi è mai capitato di essere ospite di un matrimonio e vedere gli sposi sparire con il fotografo per tantissimo tempo e realizzare che si stavano perdendo parte della loro festa? Riuscite ad immaginare i vostri amici abbandonati a loro stessi, stanchi, impazienti di vedervi tornare?
Fate queste domande al vostro futuro fotografo:
“Quanto tempo ci vuole per fare le fotografie di coppia?”
“In quale momento della giornata facciamo le fotografie?”
Se non conoscete la risposta a queste domande, il rischio grande è quello di ritrovarsi letteralmente rapiti all’apertura dell’aperitivo, quello che sognavate da mesi, per poi ritornare, quando tutto sarà finito perché avete trascorso un’ora o forse più, a causa di un fotografo non capace di organizzare la giornata è poco sensibile alle vostre esigenze.
Ritrovarsi catapultati fuori dal proprio matrimonio, diventa un evento sgradevole per i vostri ospiti. Io ho scelto di far sì che il servizio fotografico sia… al servizio degli sposi! L’obiettivo principale è che voi vi godiate la festa. Godetevi l’aperitivo, divertitevi, salutate tutti.  Poi, ci prendiamo una ventina di minuti per fare qualche fotografia, per me sono sufficienti per raccontare di voi. Naturalmente, se tu e il tuo sposo vi state divertendo, possiamo andare avanti a scattare fino a che non sentiamo il cuoco impazzire perché il risotto si sta scuocendo! Ma il tutto va sempre concordato in modo preventivo.
Tutti questi consigli li troverete all’interno del mio libro. Leggetelo.

Comments
Add Your Comment

CLOSE
×