fbpx
MENU

Matrimonio al tempo di coronavirus !!

16 Maggio 2020

Il matrimonio al tempo di Coronavirus, come gestirlo?

L’esempio è quello di Alba Díaz, wedding planner galiziana che col fidanzato ha detto «sì» dal davanzale del loro appartamento,  il vicino li ha sposati dall’altro lato del cortile e tutto il quartiere si è affacciato al balcone diventando spettattori di questa bellissima favola.

Sposarsi in tempo di Coronavirus, implica tante restrizioni…. Scambiarsi un bacio con la mascherina,  infilarsi la fede sui guanti di lattice usa e Getta, rimanere distanti, sono solo alcuni limiti che la situazione impone. Diventa molto importante la gestione del matrimonio al tempo di Coronavirus.

Bisogna rinviare oppure no?

Forse, se si preferisce la cerimonia classica , circondati da amici, la scelta migliore è rinviare la data del “SI”. Molti wedding planner la pensano in questo modo, secondo cui, anche se il giorno è già stato prefissato, sarebbe molto meglio posticiparlo. In modo da vivere più intensamente il proprio giorno indimenticabile. 

A quando?

A detta degli esperti, prima di luglio/agosto è meglio evitare qualsiasi programmazione. Settembre/ottobre la considerano una scelta più saggia, perchè tutto avrà senz’altro una chiara definizione. Il prossimo anno ancor di più. Ricordatevi, che insieme ai matrimoni già programmati, si uniranno anche le date rimandate di quest’anno, quindi meglio cominciare a pensarci subito.

 

Se l’idea è quella di non rimandare?

Se però nulla vi fa retrocedere dalla vostra volontà di celebrare le vostre nozze, tenete conto di punti fondamentali, come gli ospiti, per esempio. Da riviste scientifiche  ed informazioni riguardanti il coronavirus, la ripartenza ci sarà, ma sarà lenta e graduale. Quindi ciò vuol dire che il divieto di assembramenti sarà l’ultimo ad essere sciolto, di conseguenza iniziate a pensare come distribuire le distanze tra i vari invitati nelle location che vi ospiteranno.

In riferimento, poi, alla luna di miele, nessuno conosce le modalità della ripresa dei voli e soprattutto per quali destinazioni. Quindi meglio informarsi attraverso gli organi ufficiali o l’agenzia di viaggi, prima di programmare la vostra destinazione.

Data variata

Se decidete di riviare la data delle nozze, i consigli di tutti noi operatori del settore,  sono diversi, anche se il primo in assoluto, è quello di mantenere la calma e un atteggiamento positivo. Il matrimonio non è affatto perduto, semplicemente rinviato. Del resto verranno riorganizzate anche le Olimpiadi, sarebbe assurdo non riuscire a farlo con le proprie nozze. Armatevi di amore e pazienza e riformulate tutti gli impegni per le nozze per evirae che il tempo Coronavirus, come gestirlo

L’importante è contattare tutti i fornitori in precedenza assunti ed insieme trovare la nuova data, affinché il sogno sia solo rimandato e non annullato !!!

Praticamente, il primo passo da fare, è riprendere tutti i contratti firmati con i fornitori di servizi (location, fotografo, allestimenti floreali, catering) e controllare cosa prevedono gli accordi e le eventuali clausole inserite. Quindi, prendere nota di tutti gli acconti pagati e anche di quando dovranno essere saldate eventuali tranche intermedie. A questo punto, contattare i singoli fornitori. Se esiste Wedding Planner, ovviamente queste incombenze sono tutte sue.

Per la luna di miele: bisogna solo parlare con l’agenzia di viaggi che si sta occupando dell’organizzazione. I soldi della caparra, viste le ultime disposizioni ministeriali, potranno essere trasformati in voucher utilizzabili in altri momenti dell’anno. Ciò significa, che si potrà spostare tutto – dai biglietti aerei alle prenotazioni degli hotel – senza perdere un euro. Basta solo decidere il nuovo periodo di partenza. 

 

Come comunicare data nuova

Altro cosa fondamentale: una volta stabilita la nuova data del matrimonio, le prime persone a cui comunicarla saranno i familiari e i testimoni. Tutti gli altri a seguire con un giro di telefonate. Per informare della variazione di data, l’invito si può inviare in maniera molto pratica utilizzando WhatsApp o email, o condividendolo su un gruppo privato di Facebook o di Instagram.

 

 

 

 

 

Comments
Add Your Comment

CLOSE
×